la lentezza nella formazione aziendale

L’Importanza della lentezza nell’apprendimento

Nel contesto frenetico della nostra società, dove la rapidità è spesso considerata un valore in sé, l’idea di rallentare potrebbe sembrare controintuitiva. Tuttavia, quando si tratta di apprendimento, la lentezza può essere una risorsa preziosa. In questo blog, esploreremo l’importanza di concedere il giusto tempo ai processi formativi e come la lentezza non solo aumenti l’efficacia dell’apprendimento, ma contribuisca a modificare comportamenti e abitudini in modo più incisivo. Abbracciare un ritmo più lento consente di approfondire argomenti, scavare sotto la superficie e comprendere sfumature spesso trascurate. L’apprendimento, grazie alla lentezza, diventa un’esperienza di immersione, favorendo nel concreto i processi di apprendimento cognitivo e emotivo.

Metabolizzare i concetti

L’apprendimento efficace non è solo una questione di acquisizione di informazioni, ma anche di comprensione e applicazione dei concetti appresi. La lentezza permette di dedicare una buona dose di tempo per metabolizzare e interiorizzare le nozioni, le informazioni, collegarle alle esperienze maturate e sviluppare una comprensione più approfondita.

La capacità di metabolizzare il sapere è fondamentale per l’applicazione pratica delle competenze acquisite, contribuendo a trasformare la conoscenza in azione significativa sul campo.

Dove la rapidità nella formazione impedisce ogni confronto reale e di fatto la possibilità stessa di poterne disporre con dimestichezza, la mancanza di fretta permette di esplorare connessioni inaspettate e di stimolare la creatività. Nel contesto odierno, in cui la tecnologia spesso induce a una rapida successione di stimoli, la riflessività diventa un’abilità fondamentale. La formazione aziendale può svolgere un ruolo cruciale nel promuovere una mentalità riflessiva tra i dipendenti, aiutandoli a valutare criticamente le informazioni, a prendere decisioni ponderate e a sviluppare una comprensione più approfondita delle sfide aziendali.

La connessione emotiva nell’apprendimento

In un mondo sempre più digitale, è essenziale preservare la dimensione umana delle interazioni. Gli insegnanti e i formatori devono incoraggiare a sviluppare empatia, a comprendere le diverse prospettive e a costruire relazioni significative, contribuendo così a una formazione completa ed equilibrata.

Questo approccio non può che rivalutare la lentezza e la prossimità mirando a recuperare la riflessività, la capacità di pensare in modo critico, di studiare in modo approfondito e, soprattutto, di connettersi emotivamente con il mondo circostante, utilizzando sia i sensi che il cuore.

L’uso del virtuale, in particolare da parte delle generazioni più giovani, impone una velocità che può portare a una sorta di atrofia emozionale. In questo contesto, la formazione aziendale dovrebbe servire a promuovere un approccio più riflessivo e centrato sull’essere umano, un approccio che sperimenti l’importanza delle relazioni nell’apprendimento come nel rapporto con i colleghi.

Modificare comportamenti e abitudini

La lentezza nei processi formativi è particolarmente efficace nel modificare comportamenti e abitudini. Mentre le videopillole, ad esempio, possono fornire informazioni rapide, il cambiamento comportamentale richiede tempo e impegno continuo. La dilatazione temporale durante la formazione offre la possibilità di interiorizzare le conoscenze e di adattare progressivamente i comportamenti grazie anche al coinvolgimento emotivo delle relazioni.

La formazione basata sulla lentezza riconosce che il cambiamento non è istantaneo, ma il frutto di un apprendimento lento.

Attraverso un approccio graduale, le persone possono assimilare gradualmente nuovi comportamenti nella loro routine e ridurre la resistenza al cambiamento. Ciò favorisce una transizione più fluida verso abitudini più positive e produttive.

Personalizzazione dell’apprendimento

La lentezza consente anche una maggiore personalizzazione dell’apprendimento. Ogni individuo ha un ritmo e uno stile di apprendimento unici e concedere il tempo necessario consente di adattare i percorsi formativi alle esigenze specifiche di ciascuno.

Questa possibilità aumenta l’efficacia dell’apprendimento, poiché si tiene conto delle differenze individuali e si offre un’esperienza formativa più su misura.

Ciò è possibile solo in un arco di tempo dilatato dove le specifiche caratteristiche di ognuno hanno modo di farsi strada in un confronto aperto con i docenti e i compagni di corso, strutturando una conoscenza che trae nutrimento dalle proprie passioni e sensibilità.

In un’epoca dominata dalla tecnologia, la formazione aziendale può essere una forza motrice per coltivare la riflessività e la connessione emotiva. Investire nella formazione che valorizza la profondità dell’apprendimento e la connessione umana è essenziale per preparare individui capaci di affrontare le sfide del mondo moderno con saggezza e consapevolezza.

Al contrario della convinzione che la rapidità sia sinonimo di efficienza, la lentezza nei progetti formativi offre un terreno fertile per la comprensione approfondita, la riflessione critica e la trasformazione duratura dei comportamenti.

In un mondo che spinge costantemente verso l’istantaneità, abbracciare la lentezza nell’apprendimento potrebbe essere la chiave per progetti formativi più incisivi e duraturi.

 

 

  1. Foto di Ryan Johnston su Unsplash
  2. Foto di Clay Banks su Unsplash
  3. Foto di Artem Maltsev su Unsplash

Entra in HRoad

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai tutti gli aggiornamenti ai nostri corsi, gli sconti disponibili, il programma completo e tutti i consigli pratici per raggiungere i tuoi obiettivi di business, nel rispetto della responsabilità sociale dell’impresa.

Ti aspettiamo!